luglio: 2017
L M M G V S D
« apr    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001.

Il Giorgione

L’eco lontano del profilarsi di un muovo mondo dall’altra parte del mondo e lo sconcerto per la nuova concorrenza portoghese. Lo sgomento dei veneziani per i loro mercanti di Costantinopoli messi ai ferri. Le avanguardie turche alle porte di Zara e, sulla soglia di casa, la lega di Cambrai che raccoglie tutti ma proprio tutti (Papa, Impero, spagnoli, francesi, signorie di Urbino, Mantova e Ferrara ecc.), contro la Serenissima.
Un crescendo demoniaco che mixa un sistema bancario sbriciolato con un Papa che scomunica la repubblica di San Marco e la perdita in battaglia di quasi tutta la terraferma. Una spossante altalena che vede Venezia riprendersi un po’ del tutto perso per ritrovarsi senza scomunica e senza fiato, rinata per l’ennesima volta ma irrimediabilmente indebolita.
Questi sono gli anni in cui si muove il Giorgione misterioso.
Frequenta il circolo di intellettuali che ad Asolo dà lustro alla corte di Caterina Cornaro.
Giorgio da Castelfranco, detto Zorzon perché grande nel fisico e nello spirito, nativo di Castelfranco Veneto (1477 circa) ebbe come maestro il più grande del tempo, Giovanni Bellini, in una Venezia dove passano tutti i migliori, finanche Leonardo.

Ma mentre per Bellini tutto è pervaso di sacralità, Giorgione affronta temi laici ambientati in una natura sufficiente a se stessa che ospita personaggi terreni. Singolarmente, lo fa per conto di un ristretto giro di affezionate committenze private che con lui concordano soggetti e significati. Lui, più enigmatico di Leonardo, dipinge da filosofo, crea scenari carichi di allegorie precristiane con un rimando ai classici che pare una forma di contestazione verso la chiesa del tempo, duramente impegnata a perseguire esoterismo e pratiche alchemiche. Via via appronta i suoi capolavori senza fare uso di disegni preparatori, andando a definire un tonalismo fatto di sovrapposizioni e velature che raffigura per masse di colore più che per linee.
Nonostante la morte lo abbia colto giovane (1510) e non avesse una sua bottega, Giorgione lasciò due eccezionali allievi ad alimentarne il ricordo, Tiziano e Sebastiano del Piombo. Portato via dalla peste entra nel mito e vi rimane tuttora.

Lascia un Commento