ottobre: 2017
L M M G V S D
« apr    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001.

Gentile da Fabriano

Nato a Fabriano attorno al 1365 e mai morto, Gentile di Niccolò di Giovanni di Massio, detto Gentile da Fabriano siede comodamente nell’olimpo dell’arte di tutti i tempi. Le elucubrazioni simil-catastali che vogliono limitarne la grandezza all’interno del gotico internazionale gli fanno palesemente torto. Ovunque ammirato, fu conteso per l’inarrivabile eleganza, la mano raffinata, la visione fiabesca. Se nelle opere giovanili profonde in ori accesi e  pietre preziose, nell’età matura muta il tratto verso un naturalismo straordinariamente intimo a cui mai viene meno un travolgente amore per la vita. La grazia profusa nelle sue opere ha condizionato tutta la successiva storia dell’arte ma non ha mai riscosso i crediti che vanta dall’art nouveau in generale e da Gustav Klimt in particolare (1862-1918) . Nulla sappiamo della sua formazione se non che il suo indiscusso virtuosismo lo portò di corte in corte attraverso un Italia che ancor non c’era e che proprio per questo traboccava di sensualità e bellezza. Con le sue opere, contribuì in modo fondamentale a costruire quell’archetipo di un’Italia come patria del bello che, 600 anni dopo, con tanto impegno,  in troppi cercano di sfregiare.

Polittico di Valle Romita, 1410/12.

Tempera su tavola. Dimensioni, 280 x 250 cm. Luogo, Pinacoteca di Brera, Milano. Destinato in origine all’eremo francescano di Valle Romita, il polittico si compone di cinque scomparti. Nel pannello centrale viene rappresentata l’Incoronazione della Vergine. Ispirata dai mosaici bizantini della basilica di San Marco, Gentile ritrae le figure su un fondale d’oro luminoso. Nei quattro pannelli laterali posiziona San Girolamo, San Francesco d’Assisi, San Domenico e una dolcissima Maddalena in pelliccia bianca e rossa su un elegante prato fiorito. Nei quattro pannelli superiori, colloca San Giovanni Battista, il Martirio di Pietro da Verona, un Santo francescano che legge e San Francesco.

Lascia un Commento