aprile: 2017
L M M G V S D
« apr    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001.

Fotografia: Sugimoto e Frank guidano il mercato

Inizio brillante per il mercato della fotografia moderna e contemporanea che nella prima settimana di aprile ha visto, a New York, battere all’asta 583 opere per un valore complessivo di 30.7 milioni di dollari e un tasso di vendita dell’81%, più alto del 10% rispetto allo stesso periodo del 2012. Protagonisti indiscussi delle sessioni di aprile: Hirushi Sugimoto che, con la stampa ai sali d’argento Joe, totalizza 170mila dollari da Phillips de Pury il  aprile, e Robert Frank che con Trolley-New Orleans realizza non solo il prezzo più alto nell’asta di due giorni dopo da Christie’s ma anche il record assoluto, ossia 664mila dollari. Ancora Frank, sempre con un esemplare della serie Trolley-New Orleans, fa registrare la performance migliore per l’appuntamento con la fotografia del 6 aprile da Sotheby’s: 293mila dollari.

Trolley-New Orleans del 1955: lo scatto di Robert Frank è stato venduto da Christie's per la cifra record di 664mila dollari.

Trolley-New Orleans del 1955: lo scatto di Robert Frank è stato venduto da Christie’s per la cifra record di 664mila dollari.

Record a parte, commentano gli esperti di Nomisma-LUM-Sole24Ore nel loro ultimo MonitorAste, «i valori medi nascondono una variabilità d’esiti fra le case d’asta. I risultati veramente inattesi si concentrano nella sala d’aste newyorkese di Christie’s che segna la più alta performance di vendita con più dell’84% di venduto». «Sempre buoni, seppur leggermente inferiori,  – proseguono – sono i risultati diPhillips. Molto meno sentita dai collezionisti è invece l’asta di Sotheby’s, che presentava il catalogo con il più elevato numero di lotti». Anche se meno sentita, rassicurano gli analisti di MonitorAste, «le performance di questa asta rimangono sostanzialmente positive, senza avvicinarsi a nessun livello di criticità».

Hiroshi Sugimoto, Joe, battuta da Phillips per 170mila dollari.

Hiroshi Sugimoto, Joe, battuta da Phillips per 170mila dollari.

Entrando più nei dettagli, Phillips de Pury in due giorni ha presentato al pubblico in sala ben 306 fotografie di cui 165 provenienti da una collezione privata che è stata oggetto delle due sessioni dell’astasingle owner del 2 e del 3 aprile con performance di vendita dell’80% il primo giorno e dell’86% il secondo. Nel pomeriggio del 3 aprile, invece, la casa d’aste del gruppo Mercury ha messo in vendita un catalogo di 141 opere con un tasso di vendita sempre molto elevato: 84%. Protagonista di questa asta generalista, come detto, Hirushi Sugimoto con Joe (170mila dollari), seguito da Irving Penn con Poppy: Showgirl (134mila dollari) e Woman in Palace, Marrakech (122mila). La stampa al platino-palladio di Edward Steichen, Diagram of Doom, pur totalizzando 122mila dollari, raggiunge invece solo il livello minimo della stima pre-asta.

Il 4 aprile è la volta di Christie’s che, con l’asta The Delighted Eye, presenta al mercato 71 opere appartenenti ad un’unica collezione privata che totalizza 7.6 milioni di dollari. Il tasso di vendita è decisamente più basso di quello realizzato da Phillips, 76%, ma il giorno successivo le cose vanno meglio e la casa d’aste di François Pinault, come detto, realizza la performance migliore: 204 lotti con un tasso di vendita dell’86% e un totale di 7.2 milioni. Un successo guidato dalla stampa ai sali d’argento di Robert Frank, Trolley-New Orleans (664mila dollari), seguita da Woman in Moroccan Palace di Irvin Penn (460mila dollari) e da Aspens, Northern New Mexico di Ansel Adams che raggiunge il prezzo inatteso di 424mila dollari.

L'ingresso di Sotheby's a New York

L’ingresso di Sotheby’s a New York

Infine Sotheby’s: la single owner auction del 5 aprile, The Modern Image, mette in vendita 59 opere  e realizza l’83% di venduto. Una partenza buona che però si infrange, il giorno successivo, su una platea abbastanza freddina che accoglie i 238 lotti in catalogo senza grande coinvolgimento. I risultati migliori sono, ancora una volta, quella di una Trolley-New Orleans di Robert Frank (293mila dollari) e, sempre dello stesso artista, di S.C. (Barber Shop through screen door, McCleanville), battuta per 185mila dollari. La doppia sessione si chiude però con il tasso di vendita più basso tra le tre aste generaliste: 76%.

L’ottima partenza del mercato, non poteva che riflettersi sulla fiducia di operatori e collezionisti che cresce del 1.3% in sei mesi arrivando a 70 punti in una scala – spiegano da  ArtTactic, che ha appena pubblicato il suo report sul mercato delle fotografie moderne contemporanee – dove il 50 è già indice di una grande fiducia. Ancora una volta è il segmento contemporaneo a mostrare i segnali migliori con un indice di fiducia cresciuto nell’ultimo semestre del 10.2% arrivando a toccare i 72 punti, contro i 65 di novembre. Il mercato della fotografia moderna, invece, fa registrare una leggera flessione del 2.2% pur rimanendo su livelli eccellenti: 86 punti.

Le previsioni degli esperti di settore annunciano un 2013 estremamente positivo per la fotografia moderna e contemporanea.

Le previsioni degli esperti di settore annunciano un 2013 estremamente positivo per la fotografia moderna e contemporanea.

Sul fronte delle aspettative, i dati raccolti dalla società di Anders Patterson mostrano una certa cautela, da parte degli operatori, per il settore moderno: solo il 57% si aspetta una crescita rispetto al 2012 contro il 92% del novembre scorso. Invariato, invece, l’outlook per il contemporaneo con il 33% degli esperti che si attende una crescita e il 67% che è più propenso per una situazione di stabilità. Complessivamente, dunque, il 2013 della fotografia moderna e contemporanea dovrebbe essere un anno estremamente positivo anche se gli operatori intravedono un margine di rischio lievemente maggiore rispetto allo scorso anno: 3.4 per il moderno (era 3.3 a novembre) e 5.8 per il contemporaneo (+2.4% più alto di novembre). In generale, comunque, si tratta di punteggi che situano il mercato della fotografia su livelli di rischio medio-bassi anche se la fotografia contemporanea è ritenuta più rischiosa del 70% di quella moderna.

Anche nel mercato delle fotografie non manca, però, chi ha fatto del rischio il suo mestiere: gli speculatori. Nella terza indagine condotta da ArtTactic, il tasso di speculazione del segmento moderno è cresciuto in sei mesi del 10% e del 4.4% per il contemporaneo. Entrambi i settori, comunque, rimangono su livelli “sostenibili”: su una scala da 1 a 10, dove 1 è il tasso più basso e 10 il più alto, il barometro della speculazione segna 4.4 per la fotografia moderna e 6.1 per quella contemporanea.

Il buon andamento del mercato della fotografia sta attirando un numero sempre maggiore di speculatori.

Il buon andamento del mercato della fotografia sta attirando un numero sempre maggiore di speculatori.

Chiudiamo con gli artisti che ispirano la maggior fiducia degli esperti. La Top5 di breve periodo del moderno è composta da. William Eggleston, Edward Weston, Diane Arbus, Richard Avedon e Irvin Penn. Nella fotografia contemporanea, i 5 nomi d’oro sono invece: Edward Burtynsky, Stephen Shore, Hiroshi Sugimoto, Richard Misrash e Sebastiao Salgado. Una classifica che in un anno ha visto Shore passare dal 15° al 2° posto e Sugimoto dal 17° al 3°. Burtynsky, invece, guida la classifica del 2011. Nel lungo periodo gli artisti contemporanei che riscuotono la fiducia degli esperti sono Cindy Sherman, Andreas Gursky, Jeff Wall e Richard Prince. Non ci resta che seguirli per vedere quale sarà la loro performance in questo 2013 che, sul fronte dell’economia globale, si prospetta un po’ meno roseo di quanto non faccia il mercato della fotografia.

L'andamento delle aste di fotografie dal 2006 al 2013

L’andamento delle aste di fotografie dal 2006 al 2013

 

Tratto da Collezione da Tiffany

Lascia un Commento