ottobre: 2017
L M M G V S D
« apr    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001.

Domenico Selvo

Il 31° doge 1071 – 1084

Esponente di nobile famiglia, già ambasciatore presso Enrico III, Domenico Selvo venne eletto per acclamazione popolare quando ancora i funerali del Contarini erano in corso. Grazie al chierico Domenico Tino, la sua è stata la prima elezione di un doge tramandataci da un testimone oculare.

Sotto il suo dogato venne rafforzata la difesa dell’Adriatico dalle mire dei regnanti croati e ungheresi e la collaborazione con Costantinopoli, anche in virtù del suo matrimonio con Teodora -  sorella dell’imperatore d’oriente Michele VII. La dogaressa Teodora era di una raffinatezza tale che strideva con gli usi popolari dei veneziani e non fu mai particolarmente amata. (introdusse a Venezia l’uso della forchetta nei pasti, cosa ritenuta riprovevole).

Domenico Selvo non poté però evitare, negli ultimi anni della sua reggenza, l’acuirsi di tensioni sia interne che esterne alla repubblica. Le smanie di conquista dei normanni di Roberto il Guiscardo si materializzarono con l’occupazione di Corfù prima e l’assedio a Durazzo a seguire.

Il soccorso che i veneziani accordarono a Bisanzio inizialmente fu un successo militare. Il riconoscimento dell’imperatore Alessio I dona ai veneti le esenzioni dalle imposte negli scambi commerciali e un intero quartiere di Costantinopoli in concessione. Nel prosieguo però, la guerra sfociò in una sconfitta per la flotta veneta ( 7 navi affondate e tutto l’equipaggio finito in catene ) che dette fuoco al malcontento nella città lagunare nei riguardi del doge che finì deposto e rinchiuso in convento.

Lascia un Commento